tag foto news tag foto tag foto 1 news tag foto 1 tag foto 1C tag foto 1A tag foto 1B tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6

iOS 8, aggiornamento disponibile

Apple rilascia l’aggiornamento del sistema operativo, destinato a tutti gli iPhone dal 4s in poi














Ci sono diversi fattori, che influenzano la scelta di un sistema operativo, tra cui – ma non solo – il numero di applicazioni, la semplicità d’uso, il design, la sicurezza o le possibilità di personalizzare il telefono. E se sei un utente iOS e ti sei mai trovato a provare Android conosci quel prurito che ti è venuto tornando indietro: la sensazione di chi ha provato alcune funzioni e vorrebbe averle anche sul proprio iPhone, ma non può. Come una tastiera diversa: io adoro quelle a scorrimento, come Swype, come Swiftkey.
Ecco, iOS 8 risponde proprio a quegli utenti, quelli soddisfatti dalla propria scelta, ma tentati di cambiare per la comodità di alcune funzioni. È un ammodernamento dell’ultima versione, uno sviluppo fatto di tante piccole cose, non un salto in avanti come era successo passando dal 6 al 7. Con iOS 8 non solo saranno ammesse tastiere di parti terze, compresa una dedicata esclusivamente alle GIF, ma viene anche rivista la qwerty di serie: con la nuova QuickType, le parole suggerite non sono più un singolo fumetto dedicato all’autocorrezione a ridosso di quello che stai scrivendo, ma tre per volta, proposte sopra alla prima riga di lettere, come completamento predittivo della tua frase (proprio come in Android e BB10). Per rispondere a una domanda, ad esempio, compariranno immediatamente Sì e No, così come le opzioni contenute nella proposta ricevuta.
Esteticamente, iOS 8 non cambia quasi per niente da iOS 7. La prima cosa che noterai è la comparsa di una nuova app, HealthKit: è un hub in cui confluiscono tutti i tuoi dati tracciati dalle app di fitness tracking compatibili, oltre a altezza e peso, ma anche i valori delle analisi del sangue da aggiungere manualmente, in attesa di poter mettere le mani su dispositivi come Cue, il deep health tracker che analizza saliva, sangue e altri fluidi tramite cartucce usa e getta. Con HomeKit, invece, si potranno coordinare tutti gli oggetti che già vengono comandati attraverso le app installate su iPhone o iPad. Solo sugli iPhone 6 e 6 Plus, poi, ci sarà l’icona di Apple Pay, il servizio di pagamenti che però sarà inizialmente disponibile solo negli Stati Uniti.
Tra le modifiche, dal pannello delle notifiche scompare la colonna di quelle perse, ora integrate in quella principale. Non cambia, invece, il Centro di Controllo, ancora impossibile da personalizzare – come accade con le scorciatoie di Android. Apple, però, ha aggiunto la possibilità per gli sviluppatori di interagire con altre applicazioni: si potrà quindi trovare, ad esempio, Instagram tra le opzioni di condivisione di un’app fotografica o LinkedIn tra quelle di una pagina Safari.
Nel multitasking compaiono elementi nuovi: sono i contatti preferiti e gli ultimi con cui hai interagito – basta toccarne una per accedere alle scorciatoie di chiamata, SMS o Facetime o Facetime Audio. A proposito di Messaggi, con iOS 8 puoi anche registrare e inviare brevi video che, se non salvati dal destinatario, si autodistruggono dopo pochi secondi dalla visualizzazione; si possono mandare anche messaggi vocali e la posizione GPS, proprio come accade con WhatsApp. Anche i messaggi vocali sono a tempo, sempre che il destinatario non li salvi dopo l’ascolto. Alla condivisione della posizione, invece, puoi impostare una scadenza: un’ora o fino a fine giornata. I messaggi di gruppo possono essere finalmente rinominati e si possono gestire i partecipanti, eliminando quelli sgraditi – di nuovo come nelle chat. E i contenuti multimediali scambiati in una conversazione vengono archiviati in un’unica cartellina, a cui si accede dalla conversazione stessa. Tutti i messaggi, tra singoli o di gruppo, possono essere silenziati tramite l’opzione Non disturbare, che ne previene le notifiche, ma non la ricezione. Per i casi estremi, c’è sempre la possibilità di bloccare i numeri inserita con iOS 7.
Aumentano le capacità di Siri, ora in grado di interagire con un numero maggiore di applicazioni – compresa Shazam – mentre i risultati della ricerca pescano anche in Notizie e punti di interesse delle Mappe, suggeriscono siti, album di iTunes, applicazioni dell’App Store o libri di iBooks. Per le ricerche si può sostituire Google con Bing o DuckDuckGoGli avvisi diventano interattivi: dai pop-up puoi accettare o rifiutare inviti in calendario oppure segnare come letto o cestinare email, puoi rispondere ai messaggi, ritwittare o preferire tweet, eliminare o ritardare promemoria.
La Fotocamera acquista il Timer e la possibilità di controllare l’esposizione tramite un’icona che compare affianco al quadrato di messa a fuoco. E le foto ora si salvano anche in .raw. Con l’interazione tra app, poi, sarà presto possibile aggiungere funzioni e filtri alla fotocamera tramite l’installazione di applicazioni terze – come succede con le lenti di Nokia, da Cinemagraph a City Lens. I video si possono ora girare anche in time-lapse a 30x – senza possibilità di variare la velocità, come succede in Hyperlapse, la nuova app di Instagram. Per migliorare gli scatti in un secondo momento, invece, si possono modificare Luce e Colore – scegliendo tra singoli parametri come esposizione, contrasto e ombre. Per raddrizzare una foto non serve più impiccarsi con due dita sull’immagine, ma compare il compasso a lato – un po’ come ha fatto Instagram nell’ultimo aggiornamento. Nel Rullino, le foto si potranno cercare in base alla data o al luogo in cui sono state scattate o all’album in cui sono state inserite. E compare anche una cartella di foto cancellate. Tra gli album, iOS 8 aggiunge una cartellina di foto aggiunte di recente e un cestino per recuperare quelle cancellate.
Migliorano le Mappe, che finalmente supportano anche i mezzi pubblici nella pianificazione degli itinerari, finora affidata ad applicazioni terze come Google Maps (sic), Navigon e Waze. E nella creazione di appuntamenti in calendario, la voce Luogo va a pescare proprio dal database delle Mappe e dalla tua cronologia i suggerimenti che completano l’indirizzo che stai scrivendo.
In Posta, scorrendo il proprio dito da destra a sinistra su un’email in arrivo, tra Altro e Elimina compare un’opzione in più per contrassegnare l’email come importante e basta scorrere più a lungo per eliminarla direttamente; scorrendo da sinistra a destra, invece, compare l’opzione per segnarla come letta/non letta. E se il messaggio ti arriva da un nuovo contatto – o nella firma compaiono voci che non hai in rubrica – in alto sull’email compare l’opzione per aggiungerle a Contatti.
Cambia anche iCloud, in cui ora puoi salvare qualsiasi tipo di file: iCloud Drive riprende molto da Dropbox, soprattutto la possibilità di gestire cartelline direttamente dalla finestra del Finder del Mac, come se i file fossero archiviati nel disco fisso. Ogni file può essere aperto con le app compatibili e ogni modifica apportata direttamente online viene sincronizzata su tutti i dispositivi connessi. E con Family Sharing, fino a 5 utenti possono condividere le applicazioni, oltre a utilizzare gli stessi dati di pagamento per scaricare nuovi giochi e contenuti. Compare anche un calendario condiviso fra più utenti iOS, che può essere non solo consultato, ma anche modificato da ogni partecipante – come abbiamo fatto finora con i calendari di Google. Cambiano anche i prezzi: oltre ai soliti 5GB gratuiti, si può scegliere tra piani a pagamento da 20GB (0,99 euro al mese), 200GB (3,99 euro), 500GB (9,99 euro) o 1TB (19,99 euro al mese).
Compatibile con iPhone dal 4s in poi, iPad 2 e successivi, entrambi gli iPad mini e iPod touch di quinta generazione, iOS 8 è ora disponibile: se non ti fosse comparso l’avviso, per aggiornare basta andare in Impostazioni > Generali > Aggiornamento Software.

Via wired.it






Nessun commento

Powered by Blogger.