Ciao Galaxy, nel test video 4K iPhone 8 stravince contro Galaxy Note 8 e S8+ ~ THE APPLE FOR YOU

sabato 23 settembre 2017

Ciao Galaxy, nel test video 4K iPhone 8 stravince contro Galaxy Note 8 e S8+

iPhone 8 è un mostro di potenza: lo aveva già svelato il test Geekbench, ma ora arriva anche un test d’uso reale. Nell’esportazione video 4K iPhone 8 finisce troppo presto, è così veloce che si dimentica dei concorrenti


I risultati Geekbench di qualche giorno fa avevano già dato prova delle potenzialità di iPhone 8, in grado di eguagliare, quanto a prestazioni rilevate nei benchmark, un Macbook Pro di ultima generazione con Intel Core 5 di settima generazione. Oggi una nuova conferma: iPhone 8 è un mostro di potenza ed esporta video 4K in un lampo, staccando di un’eternità non solo Galaxy S8+ ma anche il più recente e potente Galaxy Note 8.
Già negli scorsi giorni era stato effettuato un confronto diretto tra il nuovo smartphone della Mela e un MacBook Pro 13 pollici con processore Intel Core i5, con dati sulla carta addirittura a favore dello smartphone della Mela. Non contenti, però, dei dati forniti dal test Geekbench, si è passati a confrontare i dispositivi anche con carichi di lavoro reali, più precisamente nell’esportazione di un video 4K.












Per mettere davvero alla prova il nuovo iPhone 8 con chip neurale A11 Bionic, la redazione di tomsguide ha deciso di editare, ed esportare un video 4K di 2 minuti girato da un drone, mettendo a confronto i dati tra iPhone 8, Galaxy Note 8 e Galaxy S8+.  L’iPhone 8 ha impiegato solo 42 secondi, mentre Note 8 ha richiesto più di 3 minuti. Galaxy S8+, invece, è arrivato a segnare sul cronometro oltre 4 minuti. La differenza in termini di prestazioni è abissale e conferma ancora una volta iPhone 8 come sensibilmente più veloce di qualsiasi terminale Android in circolazione.
Non è la prima volta che un dispositivo iOS batte addirittura un Mac nei test Geekbench. Anche iPhone 7 l’anno scorso ha battuto i punteggi di qualsiasi MacBook Air, e all’inizio di quest’anno iPad Pro ha superato MacBook Pro in alcuni test relativi allea potenza di calcolo CPU e GPU.



Mentre in passato la maggior parte dei risultati dei benchmark non potevano essere confrontati tra piattaforme diverse, da qualche anno a questa parte i principali software per misurare le prestazioni sono diventati multipiattaforma, così come è avvenuto per Geekbench. John Poole, fondatore del noto software, ricorda che ora il confronto dei risultati è consistente anche confrontando il punteggio ottenuto da uno smartphone con quello di un notebook, ricordando però che Geekbench quantifica la potenza con brevi test che impegnano a fondo CPU e GPU dei dispositivi. Questo va a vantaggio degli smartphone, costruiti per gestire senza problemi picchi di calcolo e lavoro per brevi periodo di tempo, al contrario invece dei notebook che possono erogare prestazioni elevate per sessioni molto più lunghe.

In altre parole,  dichiara Poole, negli smartphone sono assenti soluzioni di dissipazione del calore e raffreddamento presenti invece nei portatili. Tutto questo per quanto riguarda test, benchmark e punteggi per avere un’idea più precisa delle potenzialità di un dispositivo: naturalmente trattandosi di device appartenenti a categorie completamente diverse, usabilità e utilità pratica giocano a favore dei laptop. Ciò detto il processore Apple A11 mostra i muscoli e le prestazioni erogate sono impressionanti: viene spontaneo immaginare cosa sarebbe in grado di offrire un portatile Apple con processore progettato in casa, in termini di potenza di calcolo e di autonomia. Secondo anticipazioni che circolano da anni Cupertino ci sta lavorando, ma per ora si rimane nell’universo delle ipotesi e delle speculazioni.

Via macitynet.it

0 commenti:

Posta un commento

Share

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More