iPhone 6S e 6S Plus con TIM, Tre e Vodafone: le offerte degli operatori ~ THE APPLE FOR YOU

sabato 10 ottobre 2015

iPhone 6S e 6S Plus con TIM, Tre e Vodafone: le offerte degli operatori

Oggi è iPhone 6S (e 6S Plus) day. Insieme all'acquisto del prodotto singolo, anche questa volta è possibile usufuire delle offerte degli operatori per portarsi a casa l'ultimo nato di casa Apple. Vediamo quanto si spende












Come ogni anno, eccoci all'appuntamento con la nuova versione dello smartphone Apple, che proprio da oggi è disponibile anche in Italia. In questa sede non proviamo il telefono (gli abbiamo dedicato un approfondimento a parte) nè ne analizziamo le componenti tecniche ma ci concentriamo sul lato puramente commerciale, che poi è quello che interessa una buona fetta di appassionati. Perchè Apple è molto chiara nel pubblicare il costo del telefono, ma una quota considerevole di potenziali clienti non può o non vuole spendere da 779 euro in su in una singola soluzione, preferendo le formule di finanziamento offerte dalla stessa Apple oppure il "classico" acquisto con operatore, che esiste praticamente da sempre.
In questo servizio analizziamo le offerte di Tim, Vodafone e Tre, cercando di capire quale - a conti fatti - possa essere considerato il trend di quest'anno: il numero quasi infinito di opzioni e combinazioni varie, unito alla possibilità si sostituzione del telefono dopo una certa rata, rende quasi impossibile confrontare tutte le offerte possibili per trovare "la" più conveniente, ma abbiamo comunque cercato di valutare le singole offerte nel loro complesso, per capire che tipo di impegno economico comportino per il consumatore.
A differenza del 2014, oggi in campo scende anche Wind: non abbiamo preso in considerazione le offerte dell'operatore "arancione" solo perché non ancora comunicate. Gli iPhone saranno disponibili a partire dalle prossime settimane e - si dice - sarà possibile sottoscrivere un Wind Magnum a partire da 24 euro al mese e tutta la gamma All Inclusive. Abbiamo contattato l'azienda e attendiamo risposta in merito: non appena arriveranno aggiorneremo il servizio completando il quadro. 
I prezzi ufficiali di Apple per iPhone 6s e 6s Plus
Il punto di partenza sono ovviamente i prezzi dei telefoni, perchè se non li si conosce non si riesce ad apprezzare il reale vantaggio delle offerte degli operatori. Di seguito la tabella con i prezzi ufficiali applicati da Apple per iPhone 6s.

Vodafone punta sul Relax
Partiamo da Vodafone poiché è stata in assoluto la prima a pubblicare le proprie offerte per la nuova generazione di iPhone. La situazione è piuttosto semplice: Vodafone consente di abbinare ad iPhone 6S tre piani tariffari, Relax (che è offerto senza la tassa di concessione governativa di 5,16 euro), Relax Casa Edition che comprende anche una componente domestica con Internet illimitato a casa e una SIM dati da 1GB, e Relax Completo Family Edition con 2 SIM. In entrambi i casi, passare a relax per chi è già cliente Vodafone costa 29 euro, ma noi supponiamo che si provenga da un altro operatore.

Un riassunto delle offerte Vodafone relative ai nuovi iPhone. Il 9 ottobre è comparsa anche la versione da 128 GB, prima assente
Se si opta per Relax e iPhone 6S da 16GB, che comprende telefonate illimitate, sms illimitati e 3 GB di Internet, bisogna mettere in conto 49,99 euro come contributo iniziale e 34 € (piano tariffario) + 18€ (smartphone) al mese per 30 mesi di vincolo. Come detto non c'è tassa di concessione governativa. In pratica si viene a pagare 1.609,99 euro, che sono comprensive del telefono e profilo tariffario. Nel caso si passi alla versione da 64 GB, il costo complessivo è di 1,709,99: in pratica la tariffa mensile resta uguale ma ci sono 100 euro in più di contributo iniziale, e lo stesso vale per la versione da 128 GB, per la quale si pagano 100 euro in più di quella da 64. Situazione simile per iPhone 6s Plus, per il quale cambia il contributo iniziale e la rata dello smartphone: il 16 GB viene a costare (in 30 mesi, comprensivo di piano tariffario) 1719,99 euro, il 64 GB passa invece a 1819,99 euro.

Leggermente più complesso il discorso di Relax Casa Edition, che comprende voce illimitata, sms illimitati, 2 GB di dati 4G, Fibra/ADSL illimitata, telefonate a 19 cent e SIM dati da 1 GB. Qui infatti c'è la tassa da 5,16 euro/mese e si paga 57 euro i primi 12 mesi e 67 euro i successivi 18, con in più lo stesso contributo iniziale dell'ipotesi precedente. In totale: 2094,79 euro per iPhone 6S da 16 GB (con ovviamente tutta la parte telefonica e di connettività mobile/casa) e 2194,79 euro per la versione da 64 GB. Se si preferisce l'iPhone 6s Plus si viene a pagare, nei 30 mesi, 2204,79 per il 16 GB e 2304,79 euro per il 64 GB

Stamattina (9 ottobre) è poi comparsa una terza opzione, ovvero Relax Completo Family Edition che consta sostanzialmente di due SIM, una con minuti ed SMS illimitati anche in Europa, USA e Canada e 5 GB di dati, l'altra con minuti ed SMS illimitati e 1 GB di dati. In questo caso va pagata la tassa di concessione governativa di 5,16/mese e il prezzo è in ogni caso di 75 euro al mese con vincolo 30 mesi, cui sommare un anticipo dipendente dal telefono, da 99 a 329 euro. Una soluzione molto interessante per chi, appunto, vuole un unico "pacchetto" per più persone.
Altra possibilità, per chi è già cliente vodafone ricaricabile è l'acquisto a rate del telefono: 23 euro x 30 mesi con un contributo iniziale variabile ma leggermente diverso a quello delle altre opzioni. Stesso discorso per la versione Plus, con rata mensile di 25 euro/mese.
Con Tre lo puoi cambiare ogni 15 mesi
Per la nuova generazione di iPhone, sia 6s che 6s Plus, Tre continua a puntare forte sul proprio profilo Free, che com'è noto è quello che somma al classico acquisto a rate anche la possibilità di sostituire il telefono ogni 15 mesi andando di fatto a rinnovare il finanziamento. Rinviando alla comunicazione ufficiale e alle note per l'esame delle condizioni specifiche, ci limitiamo qui a segnalare il funzionamento a grandi linee, supponendo però che l'utente abbia intenzione di tenere il proprio iPhone una volta terminati i 30 mesi di vincolo. In pratica l'utente può attivare uno di tre piani tariffari, da scegliere a seconda delle proprie esigenze: Free 400, Free Unlimited e Free Unlimited Plus, ognuno con un certo quantitativo di traffico voce, sms e dati. Si va dai 400 minuti, 400 sms e 4 GB di Free 400 fino ai minuti illimitati in italia e all'estero, sms illimitati e 8 GB di dati della versione più "corposa", la Unlimited Plus. A questo si va ad aggiungere lo smartphone che si preferisce: si paga un anticipo che dipende dal telefono selezionato e si sottoscrive un finanziamento con impegno di 30 mesi, in particolare (citando la comunicazione ufficiale): "29 rate mensili + una rata finale nel caso in cui decidi di tenere il tuo smartphone".

Tre offre tutti gli iPhone di nuova generazione all'interno dei propri piani Free: come detto, noi consideriamo l'ipotesi che l'utente tenga il proprio telefono alla fine dei 30 mesi, cosa che gli dà diritto a continuare col medesimo profilo tariffario ma scontato, ma c'è anche la possibilità - dopo 15 mesi - di restituire l'iPhone 6S e di prendere quello nuovo o un altro modello trattato da Tre.
Parliamo allora di cifre e prezzi: l'anticipo varia, a seconda del modello, da 100 euro (iPhone 6s 16GB) a 400 euro (iPhone 6s Plus da 128 GB), la rata mensile è quella dei profili citati (30€ per Free 400, 35€ per Free Unlimited e 40€ per Free Unlimited Plus) e la rata finale varia da 119,30 euro a 149,30 euro, sempre a seconda del telefono che si ha. Da notare che iPhone 6S da 64 GB e iPhone 6s Plus da 16 GB prevedono un anticipo di 200 euro su Free 400 e Free Unlimited ma solo di 100 euro se si sceglie Free Unlimited Plus.
Detto così è tutto molto complesso: cerchiamo di riassumere considerando alcune ipotesi ma con la raccomandazione di consultare bene le condizioni e le note riportate nel sito Tre. La tabella che segue, di valore puramente indicativo, simula l'investimento sui 30 mesi.

Ci sono anche altre possibilità, tra cui gli abbonamenti Full (simili ai Free di cui sopra ma senza possibilità di cambio telefono dopo 15 mesi) e la ricaricabile Scegli 30, l'offerta prepagata da 30 euro al mese con voce ed sms illimitati e 2GB di dati. Anche qui è previsto un vincolo contrattuale di 30 mesi e un anticipo che è di 100 euro per iPhone 6s 16 GB e di 200 euro per iPhone 6s 64GB e 6s Plus 16GB. Secondo la comunicazione ufficiale dell'azienda: "Al termine del vincolo di 30 mesi, l’anticipo corrisposto per iPhone verrà restituito per un pari valore complessivo in traffico aggiuntivo erogato in 12 mensilità".


Con TIM Next lo puoi sostituire ogni anno
A partire dal 9 ottobre, nel sito di TIM sono comparsi gli iPhone di nuova generazione, che com'è noto possono essere acquistati direttamente nello store dell'operatore. I prezzi dei singoli apparecchi sono di 789,90 euro (16 GB), 899,90 euro (64 GB) e 1009,90 euro (128 GB) per le tre versioni di iPhone 6S e 899,90 euro (16 GB) e 1009,90 euro (64 GB) per iPhone 6S Plus. Da notare che - al momento - lo store TIM non comprende la versione da 128 GB di iPhone 6S Plus.
Tutta la comunicazione dell'azienda relativa ai nuovi iPhone è incentrata su TIM Next, ovvero sull'offerta per i clienti TIM (o quelli che attivano contestualmente un'opzione dati) di acquisto del telefono a rate con possibilità di sostituzione dopo 1 anno. TIM Next riguarda quindi solo il telefono e non comporta l'attivazione di un particolare piano tariffario ad hoc: di fatto va a sommarsi al piano già in essere se compatibile o a uno nuovo scelto contestualmente all'acquisto dell'telefono. Inoltre, al momento la comunicazione dell'azienda di TIM Next riguarda principalmente iPhone 6S da 16 GB, ma nelle note si scopre che sono previsti anche il modello iPhone 6S da 64GB e l'iPhone 6S Plus da 16GB : aggiorneremo il tutto non appena disponibili le tariffe degli altri modelli.

In questo momento, sottoscrivere TIM Next con iPhone 6S da 16 GB significa pagare un contributo iniziale di 99 euro e 25 euro per 24 mesi con opzione di sostituzione al 12° mese, il che comporta (di fatto) l'apertura di un nuovo TIM Next per il nuovo telefono. Da notare che la sottoscrizione di TIM Next comporta il pagamento di 5,9€ al mese per la protezione dello smartphone e 2 GB di LTE in più. Questo vale per tutti i clienti TIM ricaricabili, con l'eccezione di chi ha sottoscritto il pacchetto TIM Special Unlimited (40 euro al mese). In quest'ultimo caso, infatti, l'anticipo è sempre di 99 euro ma per i primi 12 mesi il telefono non si paga (0 euro per un anno).
In due parole, TIM Next costa ai clienti TIM ricaricabili 99 euro + (25 euro x 24 mesi) + (5,9 euro x 24 mesi), ovvero 853,8 euro, un prezzo superiore rispetto a quello del telefono "liscio" ma che comprende la possibilità di pagamento a rate e il diritto alla sostituzione dopo 12 mesi. Non è male, ma attenzione a considerare una cosa se lo si confronta con le tariffe degli altri operatori: qui parliamo solo del telefono, mentre i vari Free di Tre o i Relax di Vodafone hanno anche un piano voce/sms/dati incluso. 

Si punta molto sul cambio annuale del telefono
L'esame delle tariffe dei vari operatori non ha riservato particolari sorprese: acquistare lo smartphone stand alone resta un impegno non da poco, specie quest'anno in cui Apple, vincolato alle oscillazioni euro/dollaro, ha dovuto alzare il prezzo rispetto al 2014. Vodafone resta è abbastanza cara ma offre un importante mix di soluzioni domestiche, mobili e "familiari" (Relax casa edition e Relax completo Family Edition) che - a fronte di un esborso che può sembrare elevato - resta una soluzione completa per tutte le esigenze di connettività. Ma la tendenza del 2015 è l'acquisto rateale con possibilità di sostituzione del prodotto anno per anno (o quasi) con un modello più recente, un sistema che viene considerato ottimale sia per gli utenti, che in questo modo sono sempre aggiornati, sia per gli operatori, che in questo modo possono vincolare i propri clienti con tempistiche più lunghe: TIM punta fortissimo su Next e consente di sostituire il telefono ogni 12 mesi, Tre è molto aggressiva in termini di prezzo e con Free permette la sostituzione ogni 15 mesi: non si finisce più di pagare, potrebbe dire qualcuno, ma chi si ritiene power user sa quanto sia bello cambiare telefono ogni anno.

 
Via dday.it

0 commenti:

Posta un commento

Share

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More